68. Fare spesso una sauna e una doccia fredda

sauna per dimagrirePerché: Quando entriamo in una sauna sottoponiamo il nostro corpo ad un forte stress termico (condizionamento ipertermico), questo scatena, all’interno del nostro corpo, una cascata di reazione di adattamento con il risultato che vengono prodotti ormoni anabolizzanti in maggiore quantità, come l’ormone della crescita, e si migliora pure la sensibilità all’insulina. Stimola la produzione delle heat-shock-protein, che hanno la capacità di ridurre il danno da radicali liberi, proteggono le proteine dall’ossidazione e sono capaciti di riparare le proteine danneggiate, incrementano anche la produzione di antiossidanti endogeni (glutatione). La sauna aumenta la circolazione del sangue tra i tessuti muscolari, riuscendo quindi a fornire più ossigeno e nutrienti sotto la pelle, per cui si riesce a dissipare in modo più efficiente il calore. Questo comporta un aumento del metabolismo e della massa muscolare, quindi abbiamo un maggiore dispendio di calorie, inoltre aumenta le prestazione sportive intense come resistenza fisica come nelle maratone, per cui questo potrebbe spingerci a muoverci di più. Sembra anche che abbia degli effetti positivi sul cervello, perché incrementa la formazione di nuove cellule e le rende più forti. Migliora pure l’apprendimento e la ritenzione delle informazioni e riduce i problemi di depressione e ansietà. Conferisce anche un profondo senso di benessere e rilassatezza e sembra avere degli effetti positivi sulla longevità. Ovviamente dopo la sauna si deve fare una bella doccia fredda per massimizzare l’effetto. La doccia fredda può essere fatta indipendentemente dalla sauna. La doccia fredda riesce a stimolare quei geni responsabili nell’incrementare la capacità del nostro corpo di produrre calore bruciando grasso, purtroppo è molto meno piacevole di una sauna calda, e bisogna armasi di tanto ma tanto coraggio.

Quanto: Due o tre volte alla settimana, idealmente dopo una attività sportiva ma questo non è necessario.

Come: Facendo una sauna 2 volte per almeno 20 minuti (80°C) per ciascuna sessione, successivamente una bella doccia oppure un bagno freddo dovrebbe potenziare l’effetto positivo. In alternativa, se una sauna non è disponibile, si può fare una doccia molto calda, alternata ad una doccia molto fredda, ripetuta alcune volte, questo dovrebbe sortire un effetto più o meno simile, anche se è una esperienza alquanto dura da sopportare. La doccia fredda dovrebbe durare almeno 1 minuto e arrivare al massimo a 6 minuti. Con quella calda è importante non ustionarsi. Idealmente si dovrebbe stare due minuti sotto quella calda e quindi altri due minuti sotto quella fredda. Se si ha appena finito di praticare dello sport conviene prima iniziare con una doccia calda, per consentire ai muscoli di rilassarsi, e poi possiamo passare a quella fredda. Purtroppo non è una esperienza particolarmente piacevole e molto probabilmente poche persone riusciranno a coltivare questa pratica. Passare del tempo al freddo stimola il nostro corpo ad attivare il grasso bruno, che è un particolare tipo di grasso preposto a produrre calore. Quando questo grasso è attivo il nostro metabolismo è più alto, circa il 5% in più. Alcune persone posizionano delle borse termiche fredde per 30 minuti sulle spalle (dietro e davanti) e lungo la spina dorsale per attivare questo tipo di grasso, dato che risulta localizzato in quelle zone. Questo grasso si attiva facilmente nei giovani se stimolati dal freddo, purtroppo l’attivazione è più limitata nelle persone anziane. Sembra che le spezie (peperoncino, senape, zenzero, pepe e anche la menta) ci aiutino a bruciare calorie solo quando abbiamo del grasso bruno attivo, senza di esso le spezie sono poco efficaci a farci bruciare delle calorie a vuoto. Potrebbe aver senso quindi abbinare queste due tecniche. Anche le attività sportive sembrano attivare il grasso bruno per cui sport, spezie e freddo potrebbero lavorare in sinergia.

Avvertenze e Consigli: Attenzione, attenzione, attenzione: una esposizione troppo lunga può uccidere, come è successo a diverse persone. La sauna non va mai fatta da soli per lunghi periodi, perché in caso di malore potrebbe non esserci nessuno ad aiutarci. Bisogna valutare accuratamente se le nostre condizioni di salute ci consentono di adottare questa tecnica ed eventualmente conviene consultare il proprio medico. Non fate docce fredde se avete mangiato da poco tempo, per evitare seri problemi di indigestione, si deve lasciare passare almeno 3 ore dall’ultimo pasto. Se applicata bene potrebbe apportare dei benefici non solo nella gestione del nostro peso, ma potrebbe anche migliorare le nostre prestazioni sportive nonché la nostra salute, forza di volontà e forse anche la nostra longevità. Per essere efficace la sessione non deve essere troppo corta ma ci si deve avvicinare alla nostra resistenza massima, avendo cura di non superarla per non lasciarci la pelle.

Considerazioni finali: Utile per la salute ma per il peso il contributo sarà forse difficilmente valutabile. Spesso quelle strategie che in qualche modo vanno ad attivare dei geni richiedono un certo tempo di applicazione prima di vedere qualche risultato. Riuscire a fare la doccia fredda è sicuramente un’impresa ardua e solo i più temerari ci riusciranno. Questa strategia è potenzialmente pericolosa se eseguita nel modo sbagliato, per cui è molto importante essere cauti e soprattutto fare le cose con la testa.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 12/07/2017

    […] una volta terminata la seduta, tu ti sottoponga a una doccia fredda, capace di, come scrive il sito https://ildieter.it/68-fare-spesso-una-sauna-e-una-doccia-fredda/ “stimolare quei geni responsabili nell’incrementare la capacità del nostro corpo di produrre […]

Lascia un commento