Il sale potrebbe causare il tumore allo stomaco

Troppo sale fa male, questo è un dato scientifico che si è fermamente consolidato negli ultimi decenni. In particolare un abuso di sale tende a portare a un aumento della pressione arteriosa, danneggiando le arterie, il cuore e i reni.

Dagli ultimi studi sembra che la quantità di sale utilizzata nei nostri cibi correli molto bene anche con l’incidenza del tumore allo stomaco. Infatti i paesi che fanno un largo consumo di sale, nei propri piatti, sono quelli che hanno un’alta incidenza di questa patologia.

In particolare la Corea del sud sembra essere particolarmente colpita. Questo sembra essere dovuto ad un alto consumo di Kimchi, che sono dei vegetali fermentarti in salamoia (come i crauti) che presentano un alto contenuto in sale.

Il seguente grafico indica chiaramente una correlazione tra consumo di sale e incidenza del tumore allo stomaco nei vari paesi.

Il consumo di miso, condimento giapponese a base di soia, invece non sembra essere correlato con questa patologia pur avendo un alto contenuto in sale. Questo fatto potrebbe essere dovuto all’azione protettiva della soia. Quindi il sale aumento la probabilità di sviluppare un tumore allo stomaco mentre la soia la diminuisce.

Si pensa che un forte consumo di sale abbia la capacità di aumentare l’incidenza del tumore allo stomaco equivalente a quello che ha l’alcool e il fumo di sigaretta. Anche un forte consumo di carne è stato correlato allo sviluppo di questo tipo di tumore.

Il consumo di prodotti a base di soia invece sembrano avere un effetto protettivo nei confronti di questa malattia, inoltre hanno anche un effetto protettivo nei confronti della pressione alta. In altre parole possiamo dire che i prodotti a base di soia (come i fagioli di soia gialla, il tofu, tempeh, natto etc.) ci proteggono dagli effetti negativi di un consumo eccessivo di sale.

Conclusione:

Maggiore è il consumo di sale, nei nostri alimenti, più alta è l’incidenza del tumore allo stomaco. Altri fattori che favoriscono lo sviluppo di questa patologia sono: il fumo, l’alcool e la carne. Una dieta vegana con un basso contenuto in sale, ed in particolar modo con un adeguato consumo di soia, sembrano essere protettivi nei confronti di questa pericolosa patologia.

 

Riferimenti:

D’Elia L, Rossi G, Ippolito R, Cappuccio FP, Strazzullo P. Habitual salt intake and risk of gastric cancer: a meta-analysis of prospective studies. Clin Nutr. 2012 Aug;31(4):489-98.

Parkin DM. 7. Cancers attributable to dietary factors in the UK in 2010. IV. Salt. Br J Cancer. 2011 Dec 6;105 Suppl 2:S31-3.

Lee YY, Derakhshan MH. Environmental and lifestyle risk factors of gastric cancer. Arch Iran Med. 2013 Jun;16(6):358-65.

Key TJ, Appleby PN, Spencer EA, Travis RC, Allen NE, Thorogood M, Mann JI. Cancer incidence in British vegetarians. Br J Cancer. 2009 Jul 7;101(1):192-7.

Turati F, Pelucchi C, Guercio V, La Vecchia C, Galeone C. Allium vegetable intake and gastric cancer: a case-control study and meta-analysis. Mol Nutr Food Res. 2015 Jan;59(1):171-9.

He J, Gu D, Wu X, Chen J, Duan X, Chen J, Whelton PK. Effect of soybean protein on blood pressure: a randomized, controlled trial. Ann Intern Med. 2005 Jul 5;143(1):1-9.

Kanda A, Hoshiyama Y, Kawaguchi T. Association of lifestyle parameters with the prevention of hypertension in elderly Japanese men and women: a four-year follow-up of normotensive subjects. Asia Pac J Public Health. 1999;11(2):77-81.

Rivas M, Garay RP, Escanero JF, Cia P Jr, Cia P, Alda JO. Soy milk lowers blood pressure in men and women with mild to moderate essential hypertension. J Nutr. 2002 Jul;132(7):1900-2.

Joossens JV, Hill MJ, Elliott P, Stamler R, Lesaffre E, Dyer A, Nichols R, Kesteloot H. Dietary salt, nitrate and stomach cancer mortality in 24 countries. European Cancer Prevention (ECP) and the INTERSALT Cooperative Research Group. Int J Epidemiol. 1996 Jun;25(3):494-504.

Wiseman M. The second World Cancer Research Fund/American Institute for Cancer Research expert report. Food, nutrition, physical activity, and the prevention of cancer: a global perspective. Proc Nutr Soc. 2008 Aug;67(3):141-145,253-6.

Jemal A, Bray F, Center MM, Ferlay J, Ward E, Forman D. Global cancer statistics. CA Cancer J Clin. 2011 Mar-Apr;61(2):69-90.

González CA, Jakszyn P, Pera G, Agudo A, Bingham S, Palli D, Ferrari P, Boeing H, del Giudice G, Plebani M, Carneiro F, Nesi G, Berrino F, Sacerdote C, Tumino R, Panico S, Berglund G, Simán H, Nyrén O, Hallmans G, Martinez C, Dorronsoro M, Barricarte A, Navarro C, Quirós JR, Allen N, Key TJ, Day NE, Linseisen J, Nagel G, Bergmann MM, Overvad K, Jensen MK, Tjonneland A, Olsen A, Bueno-de-Mesquita HB, Ocke M, Peeters PH, Numans ME, Clavel-Chapelon F, Boutron-Ruault MC, Trichopoulou A, Psaltopoulou T, Roukos D, Lund E, Hemon B, Kaaks R, Norat T, Riboli E. Meat intake and risk of stomach and esophageal adenocarcinoma within the European Prospective Investigation Into Cancer and Nutrition (EPIC). J Natl Cancer Inst. 2006 Mar 1;98(5):345-54.

Ko KP, Park SK, Yang JJ, Ma SH, Gwack J, Shin A, Kim Y, Kang D, Chang SH, Shin HR, Yoo KY. Intake of soy products and other foods and gastric cancer risk: a prospective study. J Epidemiol. 2013 Sep 5;23(5):337-43.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento